The long goodbye

Nel decennale di Breaking Bad, e sei anni dopo lo stupendo finale in tre atti – Ozymandias, Granite State, Felina – Vince Gilligan ne aggiunge un quarto, El Camino, epilogo perfetto per la storia di Jesse Pinkman, che da Walter White dimostra d’aver imparato sia l’arte di lasciarsi sottovalutare dal nemico per batterlo (il duello suburban western) che quella di usare la verità per mentire (la telefonata ai genitori, che rispecchia l’ultima di Walt a Skyler).
È però a Mike che Jesse deve la maturità per spegnere il fuoco che lo brucia, prima che lo consumi come Walt.

Il finale di Breaking Bad però non è ancora finito.
Il quinto (e ultimo?) atto ci aspetta in fondo al cammino di Better Call Saul.

That’s life

Come già accaduto per fin troppi altri film e finali di serie, circola una teoria secondo la quale praticamente tutto ciò che vediamo succedere nello stupendo Joker sia in realtà soltanto una fantasia allucinatoria del protagonista.
È una teoria che trovo disperante, perché dimostra quanto il pubblico sia ormai incapace di accettare la possibilità che accada qualcosa di sovversivo, non soltanto nella realtà quotidiana, ma persino nella fiction.

Il Joker esiste.
Thomas Wayne l’ha generato, se non biologicamente, socialmente e politicamente.
E ne ha pagato il prezzo.
Il capitalismo genera il caos.
E la repressione, che genera altro caos.

Una forza ctonia, pre-politica, viscerale. Che sorge dall’inconscio collettivo.
La pars destruens.
Il motore della rivolta, non il volante che ne decide la direzione ultima.
Il caos esiste.

Non sono allucinazioni quelle di Joker, è la vostra ad essere cecità isterica.
Guardatevi attorno.
That’s life.

Citazioni citabili IX – Movie Edition

Armageddon
“Il Movimento 5 Stelle non è piovuto dal cielo come un meteorite, c’era tutto il tempo di reagire”
Pietro Senaldi, a Coffee Break

The Dark Knight
“Quando c’era Salvini, l’Italia sembrava Gotham City”
Dario Franceschini, a Otto e Mezzo

Goodfellas
“Claudio Martelli, insieme a Craxi, Berlinguer, De Mita, Forlani, Andreotti e De Michelis, fa parte di quelli che hanno reso grande l’Italia”
Piero Sansonetti, a L’aria che Tira