Stay Awake

Risultati immagini per Stay Awake day 5Nato come sub-genere a bassissimo costo, il post-apocalittico continua anche nel campo delle serie TV a dare il meglio di sé quanto meno è dipendente dalle aspettative del mercato.

Infatti, mentre The Walking Dead diventa sempre più piatto, convenzionale, retorico e monocorde, Z Nation si mantiene inventivo e beffardo, e con un budget ancora più esiguo fa miracoli Day 5, web serie Rooster Teeth, che partendo da un’idea geniale e inquietante nella sua semplicità, riesce a cucinare il giusto mix di paranoia, ironia, melanconia e horror che è la ricetta del miglior post-apocalittico.

Costruito sulla qualità della sceneggiatura, l’intelligenza dei dialoghi, l’umanità dei personaggi, l’efficacia delle situazioni, Day 5 è una piccola grande serie per la quale vale sicuramente la pena di perdere qualche ora di sonno.

Annunci

Parola di Spot III

“Abbiamo scelto un’automobile silenziosa anche quando è accesa”.
Perché una silenziosa quand’è spenta erano capaci tutti.

“Noi italiani parliamo di cibo, sempre”.
Anche mentre suoniamo il mandolino.

“Uffa, un’altra giornata con la nonna e il suo dolore al ginocchio”.
Ma no, oggi la nonna s’è messa la pomata antidolorifica, quindi può prenderti a calci in culo come meriti.

Recupero

L’ONU condanna l’Italia per i campi di concentramento in Libia con parecchio ritardo. Aspettava che uscisse dai Mondiali.

Egemonia culturale

Primavera 2017, a Dimartedì, condotto da Giovanni Floris su La7, si parla d’immigrazione. 

“Ci sono anche immigrati che sono in regola, lavorano, e pagano le tasse” ricorda Bersani.
“Ma non hanno niente a che vedere con la marmaglia che infesta le nostre strade” ribatte Salvini.
Il pubblico applaude.
Il conduttore non fa una piega.
Bersani s’affretta a precisare “Ma lo dico anch’io che sono troppi”.

Una testata in faccia alla fascinazione mediatica per casapound

O capitano! Mio capitano!...

Sta facendo il giro del web uno spezzone di un servizio di una trasmissione Rai in cui Roberto Spada tira una testata in faccia a un giornalista spaccandogli il setto nasale.

Una testata in faccia alla fascinazione mediatica per Casapound
Crolla il velo d’ipocrisia con cui i giornali hanno commentato le elezioni a Ostia: già dai giorni precedenti al voto illustri politologi avevano riempito le colonne dei quotidiani per declamare il “grande lavoro sociale” svolto dalla formazione neofascista. Un coro unanime di encomi per il sostegno alle categorie più deboli, per l’impegno a favore delle vittime della crisi, per i pacchi di pasta distribuiti alle famiglie italiane.

Dopo l’endorsment ricevuti da Mentana e Formigli i giornalisti nostrani hanno provato a propagandare l’idea che Casapund ha successo ad Ostia perché “fa il lavoro politico che la sinistra non fa più”.
La verità è sotto gli occhi di tutti (e non da…

View original post 151 altre parole