L’arte della guerra

La città era una distesa di cadaveri carbonizzati.
– Cazzo, che potenza! — Disse ammirato il sergente Fox, uscendo dal blindato.
– Merito delle Devil’s Tears, le bombe al plasma incendiario – commentò il colonnello Granville, serafico — Una vera e propria colata incandescente che piove dal cielo — aggiunse con un gesto delle dita che ricordava un arpeggio — quasi come a Pompei, in Italia.
– Ehi, credevo che gli spaghetti fossero dalla nostra parte, quand’è che li abbiamo bombardati? — Chiese Fox.
Granville sorrise bonario.
– Non ancora sergente, quello di Pompei era un vulcano vero. Ma i risultati furono simili. Ecco, guardi per esempio quei due corpi laggiù — indicò il cadavere d’una donna che sembrava reggere tra le braccia quello d’un bambino. Entrambe le figure apparivano carbonizzate all’istante, al punto da sembrare scolpite nella roccia lavica.
– Li guardi bene — continuò il colonnello. — Il fuoco non li ha distrutti, li ha conservati — sorrise ancora.
– Prendiamo questi due allora? — Chiese Fox, infilandosi i guanti. Il colonnello annuì.

– Avanti, Marella, non farci aspettare — ammiccò la fashion blogger, sorseggiando il suo Vodkaprozac.
– Seguitemi — rispose solenne la padrona di casa, guidando i suoi ospiti — Eccola.
– Ma è stupenda! — Commentò l’ambasciatore, tra il brusio generale di meraviglia.
– Chissà quanto ti sarà costata — aggiunse l’ereditiera.
– Sembra una madonna col bambinello — sospirò il cardinale.
– Guardate, la fiamma li ha avvinti rendendo immortale l’attimo della loro morte — mormorò l’editorialista, in tono ispirato.
– Me la sono aggiudicata dopo un’asta molto combattuta, ma valeva la spesa — disse fiera Marella.
– Di cadaveri carbonizzati ce ne sono milioni, ma questo… è arte!

Pubblicato su Carmilla il 20 novembre 2007

Annunci