The High Castle

Ce lo siamo chiesto tutti: se ci fossimo trovati nell’Italia fascista, nella Germania nazista, e avessimo scoperto che il nostro paese si stava rendendo responsabile d’uno sterminio di massa, che cosa avremmo fatto?
La domanda non è più ipotetica.
L’Italia è direttamente responsabile dei campi di concentramento libici nei quali finiscono massacrati i migranti a cui viene impedito di raggiungere le nostre coste.
Campi di concentramento non è una definizione generica, è documentata: fame, sete, torture, stupri, le condizioni di prigionia sono concepite apposta per falciare i più deboli, e trasformare i superstiti in schiavi. Il governo italiano paga le milizie libiche per questo compito, che definisce “fermare gli sbarchi”.
Questa è la Soluzione Finale che il nostro governo ha scelto per la cosiddetta emergenza immigrazione, cioè qualche migliaio di disperati che approdavano in un paese di 60 milioni di abitanti, e che l’establishment ha efficacemente adoperato come capro espiatorio verso cui deflettere la rabbia popolare, esattamente come fecero i nazifascisti cogli ebrei.
Il discrimine è essenzialmente razziale. Non tutti i prigionieri in Libia sono musulmani, anzi molti, come per esempio gli eritrei, sono cristiani. Qualcuno dovrebbe avvertire Papa Francesco che l’Italia partecipa attivamente alla persecuzione dei cristiani.
Col governo Gentiloni.

La domanda non è più accademica.
Qual è la nostra risposta?
Che cosa stiamo facendo?
Come risponderemo ai sopravvissuti che ce lo chiederanno?
Cosa abbiamo fatto mentre il nostro governo s’offriva come volenteroso carnefice della Fortezza Europa?
Non possiamo sperare di cavarcela con la balla del “Non sapevamo”, non nell’era del web, degli smartphone, e dei canali All News.
Forse speriamo che nessuno ce lo chieda mai.
Che non ci siano sopravvissuti.
Che le guerre, le carestie, le pandemie, gli sconvolgimenti climatici che abbiamo causato nel Terzo Mondo ci diano una mano a svuotarlo.
Che stavolta i nazifascisti vincano la guerra, e riscrivano la Storia.
Ma il deserto continuerà ad avanzare.
La guerra continuerà ad allargarsi.
La Fortezza Europa solleverà definitivamente il ponte levatoio, e ci lascerà fuori.
E allora toccherà a noi.

Pubblicati su Carmilla
The High Castle 3 Set 2017
Maus 10 settembre 2017
Se questo è umano 17 settembre 2017
Lo straniero impiccato 
benito.it 8 ottobre 2017
Buried 15 ottobre 2017

Annunci

La deriva

Il disprezzo per i sindacati e la Costituzione. L’aggravante etnica per il reato di stupro. L’invito ai celerini ad ammazzare i dimostranti. Le retate xenofobe. La difesa della razza.
Di questo passo, a settembre il PD invaderà la Polonia.
E ci troverà la Lega.

I figli di Noè

Abbiamo visto tutti questo sketch de La Smorfia, e tutti abbiamo simpatizzato col personaggio di Massimo Troisi, che per essere ammesso sull’Arca e non annegare nel diluvio universale arriva a fingersi un animale immaginario, un minollo.
Tutti abbiamo trovato odiosa e ridicola l’intransigenza di Noè (Lello Arena) come la spocchia stizzosa del figlio Cam (Enzo De Caro) il cui unico merito è l’essere nato nella famiglia giusta.

Questo sketch parla di migranti.
E oggi noi siamo Cam.

Nebbia

Abbiamo sempre saputo che se una forma di vita aliena avesse mai raggiunto il nostro pianeta, sarebbe stata molto diversa dalla nostra, ma non ce l’aspettavamo così diversa.
Ci siamo resi conto che ci mancano persino gli schemi percettivi per vederli nella loro vera forma, tutto quello che riusciamo a cogliere della loro presenza sono dense nebulose rossastre. S’aggirano per il nostro pianeta apparentemente indaffarati con una serie di strumenti. Osservarli provando a interagire però non è così vano come può sembrare, perché produce un’alterazione, o meglio un’evoluzione dei nostri schemi che sembra renderci in grado di percepire qualche tratto della loro autentica forma, e persino frammenti di quello che possiamo ragionevolmente ritenere un linguaggio.
Non siamo ancora riusciti a comunicare, ma i tentativi procedono.

Quinta settimana sul pianeta extrasolare 832. Ancora nebbia. Questi lanuginosi banchi azzurrini rendono particolarmente difficoltosa l’esplorazione. Ieri dopo quattro ore m’è addirittura sembrato d’intravedere qualcosa di vivo nella nebbia. Qualcosa che tentava di comunicare.
Naturalmente è stata un’allucinazione dovuta allo stress, gli strumenti parlano chiaro, non ci sono forme di vita intelligente quassù.
La prossima settimana arriveranno gli aspiratori, e finalmente il problema della nebbia sarà risolto.
Non vedo l’ora di godermi la luce dei due soli che illuminano questo pianeta.

Show must go home

Ieri su Rai4:

The Zygon Invasion
Salve, sono Peter Harness, quello che sinceramente non s’era reso conto che un sermone contro l’interruzione di gravidanza potesse essere inteso come un sermone contro l’aborto. Premetto che non sono razzista, però secondo me tutti questi immigrati che stanno arrivando in realtà sono MOSTRI VENUTI DALLO SPAZIO PER STERMINARCI TUTTI!!!11!!1!1!!!1!!!!

The Zygon Inversion
Salve, sono Steven Moffat, e come showrunner mi tocca provare a dare una riverniciata pseudo-pacifista a questo delirio nazistoide, inserendoci un pippone sugli Anni di Piombo che in realtà non c’entrerebbe un cazzo, ma che darà al Dottore la possibilità di fare del reducismo ingiustificato su quella volta che NON ha distrutto Gallifrey,
Siamo bravi, eh? Chissà perché la BBC ci ha rimpiazzati.

Capire Gorino








Blazing Saddles (Mel Brooks, 1974)

Giochi Senza Frontalieri

Proteste italiane per il risultato del referendum Ticinese.
Sono tutti leghisti col culo degli altri.

Doctor Who: Moffat lascia

yeah

Illegal aliens

Quest’anno il Doctor Who di Moffat ha disceso un altro gradino della sua deriva reazionaria: è diventato uno strumento esplicito di propaganda xenofoba.
Di propaganda bellica, per lo “Scontro di Civiltà”.
L’episodio The Zygon Invasion, di Moffat e Harness (già autore del sermone antiabortista Kill the Moon) è il candidato perfetto alle liste neofasciste per il premio Hugo 2016.

Update
Con tutta la sua pretesca retorica ipocrita, The Zygon Inversion, seconda parte di Invasion, è stata poi persino peggiore della prima. Un altro esempio di come la falsa dicotomia NATO – ISIS sia adoperata sistematicamente per spacciare il neocolonialismo come legittimo.

Questa serie non è più soltanto brutta.
È ripugnante.

Memorandum

Ad uso di tutti i giornalisti nuovi assunti:

  • Un italiano uccide un altro italiano: è innocente fino al terzo grado di giudizio.
  • Un immigrato uccide un italiano: tutti gli immigrati sono assassini.
    È un’emergenza. È un’invasione.
  • Un italiano uccide un immigrato: è un eroe.