La deriva

Il disprezzo per i sindacati e la Costituzione. L’aggravante etnica per il reato di stupro. L’invito ai celerini ad ammazzare i dimostranti. Le retate xenofobe. La difesa della razza.
Di questo passo, a settembre il PD invaderà la Polonia.
E ci troverà la Lega.

Sempreverde

La Lega è stata al governo con Berlusconi per più di dieci anni.
Ha avuto una decina di ministri-chiave, fra cui quelli dell’Interno, del Bilancio, dell’Industria, del Lavoro, dell’Agricoltura, dei Trasporti, della Giustizia, della Salute, e delle Riforme.
Ha avuto centinaia fra sottosegretari, sindaci, assessori, governatori, e boiardi.
La Lega è ancora al governo in molte zone del nord.

Eppure Matteo Salvini riesce sempre a spacciarsi per un outsider, realizzando ogni giorno il suo compito di dirottare l’incazzatura degli elettori sugli immigrati, convincendo gli italiani che la principale causa delle loro sofferenze non sia la parassitaria classe dirigente della quale anche lui fa parte da sempre, ma i profughi appena arrivati che hanno il torto di non essere annegati tutti durante il tragitto.

Esattamente come Renzi, Salvini è un politico di professione.
Dal 1993, quando fu eletto consigliere comunale di Milano.
Esattamente come Renzi, Salvini è un cazzaro.

 

Giochi Senza Frontalieri

Proteste italiane per il risultato del referendum Ticinese.
Sono tutti leghisti col culo degli altri.