Silvio c’è

Come sempre, il semivivo Berlusconi gioca contemporaneamente su due tavoli. Si dice all’opposizione, e intanto s’aggiudica proprio il ministero chiave più conteso, l’Economia. Il ministro Giovanni Tria infatti è di area Forza Italia, fondazione Craxi.

Berlusconi è il nostro Palmer Eldritch, i suoi aspiranti eredi sono tutti a sua immagine. Come Renzi, anche Di Maio e Salvini portano inconfondibili le sue tre Stimmate: megalomania, arroganza, doppiezza

Per quanto indebolito, Berlusconi è ancora lo Shadow King del nostro sub-universo, il parassita delle menti e dei governi, e lo resterà finché attraverso il suo piccolo impero mediatico avrà le chiavi del nostro immaginario collettivo.

“That is not dead which can eternal lie“, non è morto chi può mentire in eterno.

Annunci

The Three Stigmata Of Palmer Eldritch – Fantacasting

Mads Mikkelsen – Palmer Eldritch  
Colman DomingoBarney Mayerson
Bob Odenkirk – Leo Bulero 

Le Tre Stimmate del Cazzaro

Piduista, palazzinaro, mediocrate, Re Sòla: Silvio Berlusconi è il nostro Palmer Eldritch.
Il Chew Z, l’allucinogeno che ha spacciato attraverso i suoi media, riempiendo il paese di berluscloni come un virus mutageno, e generando un grottesco incubo collettivo lungo quasi 40 anni, è un’eterna replica di Drive In.

Matteo Renzi, benché si spacciasse per una novità, è stato solo uno dei suoi cloni, con le sue tre inconfondibili stimmate: megalomania, arroganza, doppiezza.
Lungi dall’essere mai stati realmente contrapposti, il berlusconismo e il cosiddetto centrosinistra sono complementari da ben prima di cominciare sistematicamente a governare insieme con le larghe intese.
Renzi è stato il prodotto della fusione definitiva.
Il rampantismo traffichino del suo codazzo di faccendieri; la becera incompetenza dei suoi ministri e delle sue ministre-immagine; l’ossessiva narcisistica occupazione di tutti i media; la criminalizzazione del dissenso e la legalizzazione dell’abuso; la menzogna sistematica, il baratro fra le sue magniloquenti promesse di palingenesi e la desolante miseria dei suoi risultati, le macerie fisiche e metaforiche, lo squallido sfacelo che si lascia alle spalle. Tutto nel renzismo è stato una replica in fast-forward del berlusconismo.

L’era del Cazzaro fiorentino è finita.
Avanti il prossimo.