Kill the rich

Alessandro Manzoni, a torto considerato spesso un buonista per la sua fede nella Provvidenza, rivela in realtà ne I Promessi Sposi accenti jhadisti.

Adopera infatti la Peste come le distopie post-apocalittiche usano le pandemie, per formattare il sistema a vantaggio dei suoi protagonisti, suggerendo così che l’unico modo efficace per liberarsi dei signorotti prepotenti sia sterminarli, possibilmente con un’arma batteriologica.
E che questo sia il volere di Dio.

9 pensieri su “Kill the rich

  1. Credevo che la peste descritta nel romanzo fosse un fatto storico.
    Se non è così, ed è una invenzione dell’autore, costui ha avuto il buon gusto di sterminare, assieme ai pochi signorotti, anche un discreto numero di popolani, tanto per non fare andare troppo oltre la distopia post-apocalittica.
    Se invece è storicamente avvenuta, allora le velleità jihaidiste del Manzoni sono state agevolate da una notevole precognizione del Signore, che per dargli modo di affermare la sua visione formattante ha scatenato nel ‘600 una salutare epidemia in funzione simbolico-catartica.

      • Perché ‘selettiva’? Non mi sembra che faccia distinzioni di sorta, la Peste, nel mietere le sue vittime.
        A meno che per te il Manzoni, nel raccontare la sua storia, non dovesse anche stilare la distinta di tutti i morti di Milano.
        Mi sembra un po’ tirata per i capelli, la tua tesi. Ma è solo una mia opinione.

  2. Forse vedere il fascismo, o il non-progressismo, o quello che si vuole si ritenga non aderente ad un pensiero rivoluzionario (ma poi, occorre capire ‘quale’ rivoluzione, quale pensiero) ad ogni angolo di strada poco illuminato rischia di far vedere anche delle ‘Fata Morgana’ mica male.
    Non bastava Batman, il fascista in quanto, credo, figlio di capitalisti. Ora vi si annovera anche Manzoni, che ‘selettivamente’ fa morire Don Rodrigo di peste, in un anelito di resettaggio ucronico.
    Poco importa che nelle sue descrizioni i monatti conducessero carri carichi di cadaveri senza distinzione alcuna di classe e censo, e che anche il paladino del popolo per eccellenza, Fra Cristoforo, crepasse di peste.
    No, la peste è maneggiata in senso selettivo, comunque, secondo questa bizzarra teoria. Sembra uno di quei buchi di sceneggiarura atti a favorire un certo sviluppo della trama, per quanto assurdo.
    O forse sono io che non riesco ad afferrarne una, di trama logica in tutto questo. Se è così, attendo lumi.
    Grazie.

  3. Spoiler! 😁
    Non te la prendere Enrico, le mie tesi sono sempre volutamente un po’ iperboliche, “tirate per i capelli”. Qualche capello va tirato.

    • Lo avevo capito da mo’, questo. E non me la sono presa affatto (per cosa, poi?).
      E’ che mi dai spesso motivo di riflessione, con i tuoi post intelligenti, e anche stavolta è successo, come vedi.
      Riflettendo su quest’ultimo mi sono detto: ecchecc***o. Ma la colpa, ripeto, è mia.
      Il mio errore è prendere i tuoi scritti, tutti intendo, alla lettera, mentre spesso non sono altro che tentati parallelismi con la cultura pop del cinema, della televisione e dei fumetti. Aspetto le connessioni tra i Fratelli Karamazov e l’ultima stagione di ‘Better Call Saul’.
      Qualche capello va tirato, certamente, ma – SPOILER – col serio rischio di restare con la parrucca in mano, mentre la zucca se ne va libera per i fatti suoi.

      Senza polemica, e con stima immutata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.